Si è verificato un errore nel gadget

martedì 10 gennaio 2012

Ops . . . Ho dei sogni da realizzare!

Volevo scrivere qualcosa . . . mi son chiesta cosa!
Ho pensato è un anno nuovo proviamo a vedere se ne esce qualcosa di buono su i propositi... Ma ogni anno si elaborano (io li scrivo su mini bigliettini e li metto nel portafoglio poi il 31 dicembre li leggo) e alla fine quanti se ne realizzano?
Così sono stata a guardare Facebook un'attività che vi dirò in questo periodo che non ho nulla da fare mi riesce davvero bene...come indagare sulle persone attraverso Google. (Piccola nota personale: se dovessi tornare indietro fai un corso di investigazioni perchè ti riesce proprio bene e senza avere i mezzi ;)).
Senza troppe divagazioni, mi sono imbattuta in una frase dedicata al mio segno "Chi ha un sogno e non si arrende mai alla fine riuscirà a realizzarlo"

martedì 22 novembre 2011

Il mutismo della morte


“La morte lascia un vuoto dentro, come avere un piede al margine di un precipizio e  guardare giù”.  (Cit. Stephen Littleword)
Nella società post moderna sopravvive un tabù innominabile. E’ la morte.
La morte fa parte dei grandi temi della riflessione filosofica: ne hanno parlato filosofi, poeti e letterati. Eppure resta un tabù.
Ciascuno di noi convive con il pensiero che un giorno dovrà morire, ma lo tralascia come se fosse qualcosa che non lo riguardasse in prima persona... o per lo meno al momento.
La vita va di corsa e abbiamo recluso il pensiero della morte alla sfera della privacy personale.
Non ne parliamo con nessuno se non con noi stessi.
Si tratta di un’operazione di cancellazione del problema proprio nell’era in cui della morte si fa spettacolo. Quotidianamente vediamo migliaia di morti: ai telegiornali, nelle fiction, al cinema, in televisione, su internet.  Lo show della cronaca nera.
Non è un caso che la fotografia del dittatore Gheddafi, come quella dei suoi predecessori illustri: Saddam o Osama, abbia fatto il giro del mondo poche ore dopo la sua morte.
Ma allora, cosa ci impedisce di fotografare la lapide dei nostri cari al cimitero?
Non possiamo fare tutti come Daria Bignardi, la quale sulle pagine di un noto settimanale italiano ha ammesso che “ogni qual volta va al cimitero fotografa la tomba dei propri genitori e invia un sms alla sorella con scritto hanno detto di salutarti”.
Cosa ce lo impedisce?
Sarà che l’esposizione alla morte altrui è finalizzata ad esorcizzarla dalle nostre vite?
Perché quando si tratta della nostra morte (o vita), o di quella di un nostro caro, si tende a non parlarne?
La paura che in morte si raccoglie ciò che si è seminato da vivi ci rende muti di fronte al tema della ‘fine’.
Ognuno di noi è consapevole che la morte è un furto che non potrai mai essere denunciato. E’ il furto della vita.
Ma di buono c’è che quanto è stato fatto in vita, di buono o di cattivo,  sarà trasmesso – come se fosse una consegna di armi -  alle prossime generazioni.

Ed eccomi qui comincio l'avventura. . .

Mi hanno detto "Perchè non apri un blog?"


Ed eccomi qua l'ennesima blogger in un tempo in cui la comunicazione viaggia principalmente su internet . . . Scrivere sulla rete per lasciare traccia di te, per essere facilmente rintracciabile sui motori di ricerca . . .
Ho un account Facebook, Twitter e Google Plus, ma non ricordo più le password. Ho ordinato al mio Pc di ricordarle lui per me . . . speriamo non mi abbandoni!
Ah, adesso che ricordo sono anche su Linkedin . . .

Che si fa su un blog?
Si parla di ciò che ti interessa di più, è stata la risposta!

PANICO . . . Quali sono i miei interessi?
La vita in generale! Tutto e nulla!
Così ho deciso di scrivere quello che mi viene in mente, osservazioni dell'essere umano. Di uno che è come me quindi è altro da me (filosofeggio per darmi un'aria)
Non mi specializzarò in marketing (ci sono già abbastanza blogger e di certo più bravi di me), in viaggi (da poco ho cominciato a vedere l'Europa, che consigli posso mai dare?); in cucina (anche se il mio sogno più grande è aprire un ToniaGrill, solo cucina salata, i dolci non mi riescono!). . .
Sono qui per essere una come TE . . . ma non una come mi vuoi!

Ed eccomi qui comincio l'avventura . . .